COMUNICATO STAMPA

L’Associazione Antiracket e Antiusura Trapani  esprime solidarietà e vicinanza all’Avv. Mariella Martinciglio e condanna, incondizionatamente, il vile atto intimidatorio posto in essere nei confronti della professionista in coincidenza dell’avvio di un processo penale per usura iniziato nei giorni scorsi dinanzi al Tribunale di Marsala.

In  quel  processo, l’Associazione Antiracket e Antiusura Trapani, costituita parte civile, aveva lamentato l’assenza della maggioranza delle Parti Offese. Infatti, su 24 vittime di usura individuate dagli investigatori, solo 7 hanno chiesto di costituirsi parte civile.

“La mancata presa di coscienza da parte delle vittime  – sostiene l’ Avv. Giuseppe Novara, Legale dell’Antiracket Trapani –  deve costituire motivo di riflessione ed approfondimento non solo per le Associazioni che, con difficoltà, operano  sul territorio ma anche per le Istituzioni, in particolare, per gli enti più prossimi ai cittadini che, per altro, non hanno ritenuto di costituirsi parte civile nonostante l’entità del fenomeno dell’usura risultante dagli accertamenti investigativi”.