“MAFIA E APPALTI”

La sentenza-957-del-2009-tribunale-trapani evidenzia non solo la presenza e l’operatività di Cosa Nostra nel trapanese, ma anche la capacità dell’organizzazione mafiosa  di rigenerarsi costantemente nonostante l’incessante azione di contrasto dello Stato e ricostruisce  diverse  vicende di speculazione edilizia e corruzione.

La sentenza del Tribunale di Trapani veniva sostanzialmente confermata dalla Corte di Appello di Palermo con sentenza1503-del-2011-corte-appello-palermo  che respingeva gli atti di appello  sia dei difensori, che del P.M.,  salvo concedere le attenuanti generiche a Leonardo Barbara e ridurre conseguentemente la pena al medesimo.

Avverso la sentenza della Corte di Appello proponevano ricorso per Cassazione, il Procuratore Generale, gli imputati  Barbara Leonardo e Pace Francesco  e la parte Civile Comune di Erice.

La Suprema Corte con sentenza-1033-del-2012-corte-cassazione  dichiarava la  inammissibilità del ricorso del Procuratore Generale e rigettava i ricorsi proposti dagli imputati Francesco Pace e Leonardo Barbara.

Pertanto la sentenza diveniva irrevocabile.